Home / Territorio / PRO LOCO DI ILLASI SODDISFATTA

PRO LOCO DI ILLASI SODDISFATTA

Il 23 gennaio scorso si è tenuta l’Assemblea generale dei soci della Pro Loco di Illasi per l’approvazione del bilancio 2001 e la presentazione delle iniziative in programma per il 2002. Le attività svolte sono state molteplici ed hanno comportato entrate pari a circa 108 mila euro, uscite pari a 98 mila euro. Il residuo attivo è stato perciò di circa 10 mila euro, soldi che risultano già investiti per future attività. Si tratta di un bilancio soddisfacente che ha premiato l’impegno di una quarantina di volontari che hanno contribuito al successo delle feste. Pubblichiamo di seguito la relazione morale letta ai soci dal presidente Sergio Bovi, una sorta di riassunto e di rendiconto del lavoro di 10 mesi.

È con molta soddisfazione che mi accingo a trarre un bilancio di questo primo anno di presidenza in questo nuovo direttivo, rinnovatosi nel marzo 2001, ma che ha portato avanti idee ed obiettivi già tracciati dal precedente. Voglio ripercorrere le tappe più importanti di questi dieci mesi di lavoro, ad iniziare dalla gita in Umbria nel mese di aprile, cui hanno partecipato 34 persone: buona parte del gruppo Pro Loco ed altri comunque del paese. Abbiamo visitato Assisi, Spoleto, Foligno e Gubbio, passando due giorni in allegra compagnia. A maggio la Sagra Valpolicellore, gestita dal Comitato Sagra di Cellore, il quale, una volta ricevuto il contributo, gestisce la festa da solo mantenendo comunque un buon rapporto di collaborazione con la Pro Loco. A giugno è stato organizzato il corso di nuoto, cui hanno partecipato 45 bambini, accompagnati alle piscine di Caldiero in autopullmann e seguiti da una nostra collaboratrice per tutta la durata del corso.

Il corso non è stato ripetuto nel mese di agosto, come l’anno precedente, per scarsità di adesioni. Il mese di luglio, in collaborazione con la Cooperativa Val d’Illasi, siamo stati impegnati con la Seconda Festa dell’Albicocca, migliorata nella qualità, se non altro dal punto di vista delle attrazioni (commedia ed orchestra), ancora carente dal lato mostra e vendita della frutta, ma sicuramente per noi ottimo banco di prova per la Sagra di San Bartolomeo, che di lì ad un mese ci vedeva impegnati per la prima volta. La festa dell’albicocca, a partire da quest’anno verrà sostituita con una nuova iniziativa dal nome ‘Val d’Illasi produce’ e assumerà le caratteristiche di una fiera campionaria dove tutte le aziende della nostra Valle, da Caldiero a Giazza, compreso Mezzane, avranno modo di farsi conoscere. Sarà gestita da un Comitato formato da due rappresentanti per ogni Comune interessato (un rappresentante della Pro Loco ed uno dell’Amministrazione Comunale), appoggiata dalla Provincia di Verona e dalla Camera di Commercio, e si svolgerà nell’area del mercato ortofrutticolo di Illasi.

Ed eccoci arrivati alla Sagra di San Bartolomeo, sicuramente la cosa che ha dato più soddisfazione a me personalmente, ma credo anche a tutti quelli che ci hanno lavorato. È stata una bella avventura iniziata nel mese di maggio con la racconta degli sponsor per il librettino, che ha visto collaborare il novanta per cento delle aziende del nostro paese, piccole o grandi che siamo, dimostrando la voglia di tutti a far ritornare la Sagra di Illasi ai suoi splendori. Grande sacrificio, sia dal lato del tempo impiegato e soprattutto nel dover sentirsi ogni tanto qualche brontolata o magari vivere qualche scena insolita, ha richiesto la raccolta delle buste porta a porta, passando buona parte delle famiglie del paese, si sa tutte è impossibile passarle anche perché a fine luglio molti sono in ferie, ma comunque il risultato come prima volta è stato soddisfacente. A tal proposito ringrazio tutti i ragazzi che hanno collaborato alla raccolta delle buste, anche perché in quell’occasione io ero dalla parte di quelli che stavano in ferie e quando sono tornato ho trovato tutto fatto. Quest’anno, tempo permettendo, la sagra sarà ancora più bella, ma allo stesso tempo più impegnativa, in quanto, aumentando la qualità delle orchestre, sicuramente aumenterà il pubblico e ci dovremmo attrezzare per dar loro da mangiare, da bere, dei parcheggi e altri servizi. Ma c’è tempo per organizzarci, nel frattempo spero che il numero di collaboratori – amici cresca di qualche unità e vi invito fin d’ora a darci una mano garantendovi che anche lavorando a volte ci si può divertire, se il gruppo è unito e affiatato come questo attuale.

Finita la Sagra, il lunedì notte, ci siamo subito rimboccati le maniche e il venerdì pomeriggio della stessa settimana eravamo pronti con tendone e chioschi ad accogliere gli amici tedeschi di Wörth per il gemellaggio fra i due Comuni, organizzando il ricevimento nel pomeriggio, la cena la sera, la cena il giorno dopo ed infine il pranzo la domenica prima della loro partenza per il ritorno in Germania. Sono stati quindici giorni di vera battaglia, ma con l’aiuto dei nostri collaboratori ci siamo riusciti. La settimana dopo, è entrato in scena i Gruppo Giovani con la festa denominata ‘Notti d’Estate’ svoltasi in tre serate: venerdì, sabato e domenica, riuscendo anche questa volta a riempire la piazza di giovani, che non hanno creato particolari problemi di ordine pubblico, pur bevendo nelle tre serate più di una trentina di quintali di birra. Qualche lamento è arrivato dai Carabinieri, perché molti andavano a fare i loro bisogni sui muri invece di usare i bagni, ma per il resto tutto è filato liscio, dimostrando l’organizzazione, l’affiatamento e la collaborazione anche di questo gruppo di giovani.

Dopo questa festa, un po’ di riposo, fino ad arrivare all’annuale OlivinFest a fine novembre, festa dell’olio e del vino nuovo. Abbiamo aumentato di molto la qualità dei gruppi che si sono esibiti, è arrivato ad Illasi anche Roberto Puliero che ci ha fatto passare un’oretta di sane risate. Il pranzo di ringraziamento ha visto la presenza di 150 persone che ci hanno creato qualche difficoltà, in quanto quasi tutti si sono presentati al pranzo senza aver prenotato e all’ultimo momento, creando, come è semplice intuire, problemi organizzativi. Quello che è carente in questa organizzazione è la presenza dei ‘diretti interessati’. La mostra con relativi assaggi di olio e di vino va certamente ampliata e curata, altrimenti diventa sempre più una delle tante feste da ballo e basta. Certo, per arrivare a questo, c’è necessità che entrino in scena i ‘diretti interessati’, allestendo, ampliando e curando la mostra, sempre che a loro interessi veramente. Su questo punto stiamo lavorando per la prossima edizione.

Ultimo sforzo, il tradizionale Cenone di San Silvestro, giunto alla terza edizione, entrato nel cuore delle collaboratrici che in quest’ultima edizione hanno dato sfogo alla loro creatività, addobbando il teatro tenda in maniera da farlo sembrare un salottino e apportando raffinate scelte nel menù, elevando di molto la qualità della festa. Alla festa hanno partecipato 235 persone, delle quali solo una trentina del paese di Illasi, cosa che non passa inosservata neanche ad un cieco. Non si dica poi che ‘a Ilasi no i fa mai gnente’. Mi sembra che almeno da questo lato siamo a posto. Certo si può fare di più, ma ci vorrebbe più partecipazione dal paese e prendere esempio da più piccole, ma unite realtà che ci circondano. Comunque ci siamo divertiti e lo ripeteremo l’anno prossimo con o senza illasiani. Credo di aver percorso un po’ tutte le principali tappe di questi mesi. Esprimo tutta la mia soddisfazione per essere riusciti a portare tutte le manifestazioni che si svolgono ad Illasi all’interno della Pro Loco, evitando dispersioni di forze e di denaro, lavorando tutti con la stessa cassa, per lo stesso obiettivo e i risultati, ve ne renderete conti voi stessi quando vi sarà letto il bilancio, sono lampanti. Altra cosa molto positiva: essere riusciti ad aumentare considerevolmente il nostro magazzino, acquistando materiale di prima necessità, riuscendo anche a pagarlo tutto prima della fine dell’anno. Sono convinto che abbiamo imboccato la strada giusta e se non ci faremo assorbire da qualche critica talvolta anche velenosa che ci disturba, credo che ci leveremo delle grosse soddisfazioni sempre nell’interesse del nostro paese. La cosa negativa il rapporto negativo con il Carneval Pearin o Alpini di Cellore, che alla fine sono le stesse persone. Ma su questo non voglio perdere altro tempo, credo che siano cose vecchie che si ripetono con fastidiosa puntualità non appena si presenti l’occasione, appoggiate anche da qualche componente di parte dell’Amministrazione Comunale.

Il direttivo Pro Loco si è riunito in questi dieci mesi quattordici volte, stilando per ognuna di queste un preciso e regolare verbale. Ringrazio le varie Associazioni presenti ad Illasi che hanno avuto modo di collaborare con noi, in particolar modo il Corpo Bandistico di Illasi, il Coro Piccole Dolomiti, il Gruppo Alpini, la Redazione del giornale La Piazza e tutte quelle persone che ci hanno dato una mano nelle varie manifestazioni. Grazie anche a voi amici soci. Vi rinnovo l’invito ad entrare a far parte di questo gruppo, a sostenerlo anche moralmente e magari a portare altri soci. Grazie di cuore allo splendido gruppo di amici che instancabilmente ci segue, e a tutti i componenti del Consiglio Pro Loco, infaticabili, sempre presenti, precisi. Con delle persone così, qualsiasi presidente rischia di fare bella figura. Un particolare ringraziamento va anche all’Amministrazione Comunale di Illasi, che ci ha aiutato soprattutto nell’allestimento della Sagra, concedendoci l’area dei giardinetti e anche in molte altre occasioni, da ultima la sistemazione della nostra sede. Un amichevole e fraterno ringraziamento al presidente che ci ha preceduto, Michelangelo Fasoli, il quale nel suo pur breve e burrascoso periodo di presidenza ha saputo gettare le basi solide su cui lavorare. Ringraziandovi per l’attenzione chiedo a quest’Assemblea l’approvazione di questa relazione morale.

Scopri questi articoli

DAGLI ORRORI DELLA GUERRA NASCE LA SOLIDARIETÀ

Nella primavera del 1928, novant’ anni fa, nasceva il Gruppo Alpini di Illasi, uno dei …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *