Home / Cultura / LA “GENIALITÀ” DELLA STUFA ECONOMICA…

LA “GENIALITÀ” DELLA STUFA ECONOMICA…

Stufa a legna di altri tempiLa “cucina economica” era una stufa geniale nel suo concetto. Il riscaldamento era evidentemente la sua prima funzione, a legna (si infilavano le stèle da una porticina) e in seguito anche a carbone.

 

Vi erano inoltre un forno e altri due sportelli, uno per raccogliere la cenere e l’altro per le varie attrezzature per la cucina.

Sulla piastra superiore si scaldavano le varie pentole per preparare i cibi, ma l’aspetto più geniale, nella sua semplicità e funzionalità, era una serie di cerchi concentrici che si potevano togliere uno dopo l’altro a seconda del diametro del stagnà par la polenta (il paiolo), che così andava direttamente a contatto col fuoco.

Dall’altra parte della stufa era incassata una vaschetta che consentiva di avere sempre a portata di mano un po’ di acqua calda per l’avvio della cottura della pasta, altre cotture e le piccole necessità… come le borse de l’acqua calda.

Tutt’intorno alla stufa correva un tubo che, oltre a garantire la protezione dalle ustioni, serviva per stendere ad asciugare strofinacci e asciugamani.

Anche il grosso tubo che usciva dalla stufa per scaricare all’esterno il fumo caldo aveva la funzione di riscaldamento; ma non solo… su questo tubo, ad una certa altezza era fissata una rastrelliera a semicerchio che permetteva di mettere ad asciugare i panni, lenzuola e quant’altro… soprattutto le bende (striscie di lino e più tardi di cotone) che servivano per fasciare i neonati, sostituite ora…dai Pampers.

Scopri questi articoli

La scrittrice Elettra Solignani

ALL’OMBRA DELL’ARENA LA MIGLIOR GIOVANE SCRITTRICE D’ITALIA

La ragazza veronese ha vinto l’ultima edizione del Premio Campiello Giovani. La Biblioteca Comunale di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *